mercoledì 14 novembre 2012

'NDO VAI, K?

e c'è che quando non hai un cazzo da fare, pensi.
e stavolta pensi che camminare contromano dev'essere un esercizio davvero difficile. ché andare nella direzione sbagliata richiede in primo luogo sapere quale sia la direzione giusta.
nientepòpòdimenoche.

41 commenti:

  1. dovremmo essere sempre impegnati per non pensare. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ecco. quando poi capisci come si faccia davvero, fai un favore a tutti noi: diccelo!
      :-)

      Elimina
  2. la direzione non è né giusta, né sbagliata. semplicemente cambia di volta in volta a seconda delle scelte. comunque bisogna camminare per cambiare orizzonte ...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non farti ingannare da quelle che sembrano ineludibili regole di buonsenso. che spesso tanto buon(sensate) non sono....
      che per quanto cammini, se cammini sempre nella medesima direzione, in realtà non lo cambi mai, l'orizzonte.
      e invece è possibile cambiare sempre orizzonte anche stando ferma; basta che giri su te stessa.

      Elimina
    2. Stando fermi (non facendo scelte per paura di sbagliare) può darsi anche che ti cambi l'orizzonte, ma è un po' come lasciarsi vivere anzichè farlo in prima persona.
      Il senso del cammino era questo. Scegli. Il concetto di giusto e sbagliato invece mi piacerebbe capire chi lo decide. Perchè io so perfettamente che in vita mia ho fatto scelte che tutti consideravano sbagliate, ma per me erano e sono state scelte necessarie e giuste.

      Elimina
    3. ma la questione era -forse- semplicemente questa: che per sapere qual'è la strada sbagliata devio sapere quale sia la giusta. è sempre così facile stabilire da prima -e non con il senno di poi- qual'è quale?

      Elimina
  3. non è poi impossibile andare contromano, anzi, è facilissimo. Basta salire in tangenziale dal verso sbagliato: lì le direzioni sono solo due: quella giusta e quella sbagliata e ti accorgi subito subito che effetto fa fare delle scelte controcorrente in un luogo affollato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ecco, magari proviamo a farlo senza morire in una lenta agonia di bruciar vivi perché si è fatto un frontale in auto. così, tanto per soffrir meno, anche solo :-)

      Elimina
  4. Ha senso!

    A meno che tu non sappia qual è la direzione giusta.

    Che poi, a pensarci bene, chi lo decide qual è, la direzione giusta?

    RispondiElimina
  5. Non sono daccordo con Giorgia.
    Alle volte è talmente affollato che non riesci minimamente a vedere le conseguenze di un cambio di rotta. E lo fai, sempre. Sempre e comunque, anche se...ma lo fai, perchè vivere di se o forse fa schifo. E preferire sbattere il muso contro gli errori e meglio che non averli fatti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. per "accorgersi subito" intendevo proprio sbattere il muso (contro auto o qualsivoglia ostacolo)
      va beh, faccio come red: ricalcolo il percorso :)

      Elimina
    2. le mie tom tom preferite :-D

      Elimina
  6. che poi prendere la direzione giusta non è sempre così "conformista", la connotazione che si da a questa parola è quasi sempre, anzi SEMPRE negativa, prendere la giusta strada a volte è quasi più difficile, è fare quello che va fatto, è essere nel giusto e capire di averlo meritato quel senso di soddisfazione dentro. che magari non se ne accorge nessuno, se non dopo taaanto tempo. ma tu lo sai e sai anche quanto ti è pesato e quanto volevi cambiare strada. ma non lo hai fatto. perchè se è vero che i rimpianti son pesanti ( tè pure le rima t'ho fatto...che genia) anche i rimorsi non scherzano. che poi se volevi parla solo de strada ma nel senso de asfarto,non c'ho ricapito un beneamato...cancella sto commento e passa ortre:P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. se volevo parlà d'asfarto, me pijavo Anas come nome, mica Kovarski, te pare?
      :-D

      Elimina
  7. Io vado sempre a destra...anche quando devo andare a sinistra giro tre volte a destra..

    Lafatabastarda

    RispondiElimina
  8. la domanda sembrerebbe mal posta...
    'NDO K. VAI?

    RispondiElimina
  9. "giusta" e "sbagliata" sono delle scorciatoie.
    e sono meglio le strade tortuose, in fin dei conti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ché il blu e il giallo, insieme, dan sempre il verde. è matematico. :-P

      Elimina
    2. questa è una citazione passepartout. ;-)

      Elimina
    3. non ti sfugge nulla a te, eh! :-D

      Elimina
    4. già, neanche questa tua leggera ironia.

      :D

      Elimina
    5. leggera?!? allora devo aver sbagliato la misura. :-D

      Elimina
    6. ecco, l'aggettivo "leggera" era la mia forma di "leggera" ironia :P

      Elimina
  10. il guaio è quando cammini in tondo, k.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. casca il mondo casca la terra tutti giù per terra

      Elimina
  11. io tendo a semplificare: se stai male e va tutto male stai andando dalla parte sbagliata.
    Se però si considera che contemporaneamente si può andare in più direzioni su più livelli, l'affare si complica.

    lo so, son cervellotico in questo periodo, ma è pur sempre autunno ... a proposito, io aspetto da un po' un bel post del K che si fuma una sigaretta sul terrazzo di notte con quest'aria ghiacciatina

    ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma è facile, pdpdr! ti basta procurarti una macchina del tempo, e tornare a esattamente 2 anni fa. ché il K allora si è fumato l'ultima sigaretta, proprio sul balcone, e proprio nell'aria ghiacciatina della notte di novembre.

      Elimina
  12. Bah, che spreco di parole. Direzione giusta, direzione sbagliata. Non me lo sono mai chiesto in vita mia. Io ho la mia, di direzione. Chi se ne frega se è giusta o sbagliata? Lo saprò tra anni, se era giusta o sbagliata. Adesso è giusta per forza, è la mia. Quella che mi somiglia di più.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non preoccuparti, per le domande che non ti fai. ché poi saranno loro, un giorno, a farsi te.

      Elimina
    2. Ho forse detto che non mi accio domande? Non mi risulta. Ho detto che quella domanda non me la faccio. Vado a naso. Posso?

      Elimina
    3. ma figurati... pensi che qualcono oserebbe contraddirti? :-P

      Elimina
    4. La prego, stasera non ho voglia di fare a cuscinate. Ho pure sonno.

      Elimina
    5. qua, più che a cuscinate sta finendo a taral....madeleine e vino, più che altro :-D

      Elimina

occhio. ché il K ti legge. e risponde, anche.