giovedì 24 maggio 2012

LA LEGGE DEI LIMONI

che poi gli anni e le persone non passan mica per niente. ennò. che c'è quella roba lì che si chiama curva esperienziale. che è il modo colto per dire che a furia di sbatterci il muso, alla fine qualcosa nella testa ti entra pure. e dai che ci ridai, dopo un tot i fondamentali del gioco li hai anche capiti. o almeno, credi. 
tipo, che  i baci davvero ma davvero importanti son due. solo due, e sempre gli stessi due. l'ultimo primo bacio. e il prossimo primo bacio. 


tu: solo due? e il resto, kovalski?
k: il resto fa volume.

34 commenti:

  1. gli anni passano...
    ma come è fatta sta curva esperienzale, cresce o decresce?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. speriamo sia fatta bene, la curva, va là...

      Elimina
  2. La curva esperienziale attesta che con il tempo i baci diventano un oggetto quasi sconosciuto... :)

    RispondiElimina
  3. Io l'ultimo bacio l'ho visto in Valginema nel 2001 mi pare. Poi ho chiuso con Muccino chè mi sta sul culo forse anche di più di Fabbiovòlo :P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. brava. così impari ad andare al cinema e spendere i dindini del biglietto per muccino. :-)

      Elimina
  4. avevo letto la legge dei kimoni e me pensavo tutta una roba di katane e pachinko.... :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma di questa tua fissazione per la K, ne vogliamo parlare, tellurica cara? :-)

      Elimina
    2. guarda, sto perfino pensando di cambiare il nome da tellurica a tellurika...
      ;-)

      Elimina
  5. e dopo tanti a far volume, c'è stato di nuovo un primo bacio che credo mi abbia ricondotto a uno degli estremi di quella curva. E ora?
    Ora stupidamente tremo, perchè un primo bacio non lo ricordavo proprio e la testa l'ho battuta tante ma tante volte ... è lecito aspettare con tanta trepidazione il secondo?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e poi il terzo e poi il quarto e il quinto... e via così. fino al prossimo primo....

      Elimina
  6. dire
    fare
    BACIARE
    lettera
    TESTAMENTO
    dev'esserci una logica in tutto ciò!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. aaaargh... ma nel gioco... com'era, testamento????

      Elimina
  7. i baci.
    che alla fine ci si dimentica pure come si danno (parlo per me).
    ma i primi, e gli ultimi, si ricordano sempre.
    dei prossimi no comment, direi io :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. credo che dimenticare come si danno sia impossibile. al massimo, non si sa di saperlo fare, forse....

      Elimina
    2. si fidi, signor k, ci si può dimenticare anche.... non è come l'andare in bicicletta, che una volta imparato, non si scorda più ;)

      Elimina
    3. più ci penso, e più mi sembra impossibile si possa dimenticare come si fa....

      Elimina
  8. detta così val la pena andar di primo in primo,
    ché a star lì a baciare l'imbottitura del divano...nsomma

    RispondiElimina
  9. carino, condivido all'80%...

    Bella Kov !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. bravo stefanover. anche se hai un 20% di errore, ma nessuno è perfetto... :-D

      Elimina
  10. MI permetto di dissentire con grande grande grande energia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e credi di cavartela così a buon mercato, tu?
      va bene. dissenti. ok. però, ora devi dire quali sono i baci che davvero contano, secondo te.

      Elimina
  11. Oh, dipende, dipende...io non son portata all'aneddotica, nè ai numeri. Ho in mente un n bacio che valeva il primo, e tutti gli altri messi insieme. Un bacio che riassumeva e prometteva. Un bacio che, a solo pensarci, oh, vabbé, si è capito.
    Chorragione, non rompere le palle.
    :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma tu fai la carriera diplomatica, vero? :-)

      Elimina
    2. LO so che ti piaccio così. Rude.

      Elimina

occhio. ché il K ti legge. e risponde, anche.