mercoledì 16 maggio 2012

DEI GIORNI. E DELLE SERE.

nei giorni di vento. di vento e di sole. nei giorni d’azzurro e di piccole nubi che corron veloci, piccole nubi che corron veloci via da qui. nei giorni del vento che piega gli alberi e fruscia le foglie. nei giorni che primavera è vento teso a correr nel cielo di lombardia. nei giorni di questi giorni. 
e nelle sere che alle 9 è ancor chiaro. nelle sere così. 

uno splendore! che giù dalle alpi si riversava, scendeva, senza peso e impetuosa, la luce, a riprendersi milano.

e. tadini]

8 commenti:

  1. Questo vento freddo di stamattina mi ha fatto male alla pancia...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. quando si dice averci il fisico, averci...

      Elimina
  2. "nelle sere che alle nove è ancor chiaro"
    sì, è uno...splendore! :)

    RispondiElimina
  3. ...e ancora per un mese abbondante le giornate si allungano....

    RispondiElimina

occhio. ché il K ti legge. e risponde, anche.