venerdì 18 maggio 2012

THE BUTTERFLY EFFECT

che poi c'è quella questione lì della farfalla cinese, kovalski. come “quale farfalla?”. maddai, su, la farfalla quella che sbattendo le ali in cina innesta una concatenazione di eventi che interrelati tra loro in sequenza causale inarrestabile e irresistibile attraversano lo spazio e il tempo percorrendo il globo terracqueo, e che poi va tutto a finire in un uragano che colpisce san francisco...
ecco, appunto, quella questione lì: farfalla in cina, battito d'ali, patapìm, patapàm, uragano su san francisco. ok. ci sei. il processo ti è abbastanza chiaro.
ora, vorresti capire: ma perché cazzo le farfalle cinesi ce l'hanno proprio con san francisco?
e soprattutto: le farfalle cinesi... ma quanto cazzo sono grandi, esattamente, 'ste farfalle cinesi?

8 commenti:

  1. c'entra niente ma il film è molto bello.
    secondo me.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. c'entra niente. ma va bene uguale v, che a te tutto è consentito :-)

      Elimina
  2. e le farfalle di san francisco, non si vendicano?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma scherzi? son minuscole, loro :-D

      Elimina
  3. Eh?! Ma non era farfalla in Brasile + tornado in Texas??

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mi sa che a te ti han venduto la versione tarocca della storia...

      Elimina

occhio. ché il K ti legge. e risponde, anche.