domenica 6 maggio 2012

DELLA GEMELLADIVERSA DI K.

l: "pronto?"
tu: "l! ciao! come stai?"
l: "cazzo, kova, ma è una vita..! ma che bello! come stai?"
[... e su e giù, e questo e quello, e patapìm e patapàm...]
tu: "aggiornami, dai: che vita hai adesso l?"
l: "lo sai che io sono una certezza, kovalski caro: mi ritrovi sempre là dove mi hai lasciata l'ultima volta."

12 commenti:

  1. Anche tu porti i capelli raccolti, dunque.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...e dove li dovrei portare, questi capelli che qualcuno ha raccolto?
      :-D

      Elimina
  2. ...una certezza come il fatto che le mezze stagioni non esistono più!

    RispondiElimina
  3. ...una certezza come il fatto che le mezze stagioni non esistono più!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ti stupirò, ma avevo capito alla prima :-D

      Elimina
    2. ti stupirò di rimando, credevo che la prima non l'avesse pubblicata...sai mai ...

      Elimina
  4. Molto spiritosa la tua amica!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è una grande, la gemelladiversa, una grande

      Elimina
  5. mmmmm..... io ragionerei più che altro su quel "lasciata". sì. mi piace studiare i termini ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è che "dove mi hai rimasta l'ultima volta" suonava vagamente male.... :-)

      Elimina

occhio. ché il K ti legge. e risponde, anche.