venerdì 17 maggio 2013

DETTO DA C.I. (quando il mondo era ancora analogico)

io sono una macchina fotografica con l'obiettivo aperto, completamente passiva, che registra e non pensa. [...] un giorno tutto questo andrà sviluppato, stampato con cura, fissato.


Più riguardo a Addio a Berlino


12 commenti:

  1. E non ci saranno mai abbastanza parole per farlo. Almeno per quanto mi riguarda.

    RispondiElimina
  2. ...io preferisco una polaroid...
    immediatezza del ricordo, futilità di una "non" vera foto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma esistono ancora le pellicole per le polaroid?

      Elimina
    2. eccerto che esistono :)

      Elimina
    3. ....questa sì che è inattesa :-)

      Elimina
  3. Mi vien da dire: e quando ci sarà da sviluppare, stampare con cura e fissare saran cazzi!
    Meglio sviluppare poco per volta, che magari, tra uno sviluppo di qui e una stampa di qua, qualcosa di buono lo si trova pure.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. pensa che ne ho lì più di 1.400 da sistemare.... vedi tu...

      Elimina
    2. posso permettermi una pacca sulla spalla con sguardo carico di comprensione?
      Che so' drammi anche questi.
      La vita è un dramma ormai....non ne usciremo più.

      Elimina
    3. è un mondo difficile, olli. difficilerrimo.

      Elimina
    4. soprattutto senza un Benji che ci assiste.

      Elimina
    5. drogarti meno, olli, drogarti meno
      :-p

      Elimina

occhio. ché il K ti legge. e risponde, anche.