sabato 17 marzo 2012

DE FINITUDE FLOREALE

una settimana. il crocus fiorisce. il crocus sfiorisce. 
una settimana. una sola settimana. ed è subito serra.

16 commenti:

  1. il titolo in che lingua è? ( latinorum? Arditemente maccheronico, mi piace).
    La riflessione è ovviamente condivisibile, ma dai crochi, a sera, ci ricavi lo zafferano. Da noi? Niente, pensava Q.)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. più maccheronico che ardito, direi... è che de brevitate florum pareva meno evocativo.
      dai noi cosa si ricava? lapidi, direi :-)

      Elimina
  2. Allora non è già primavera? No? Tristezza.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. come no? ché una rondine non farà primavera. ma i crochi che fioriscono, dicono che di certo non manca molto.

      Elimina
  3. melius flavum mediolanense risottum hodie quam lapis cras (Petronio, Satyricon , XII, 23 sgg.)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. il che dimostra che anche petronio scivola sul melius, a volte :-)

      io però son più ciceroniano, con il suo flavum risottum cotidianum, tamquam bonum tamquam sanum (Cicero, de arte culinae, II, 12)

      Elimina
  4. Risposte
    1. poetta, il kovalski, più che altro :-)

      Elimina
  5. Risposte
    1. ... e come potrebbe kovalski darti torto? :-)

      Elimina
  6. Gentile signor Kovalski, senza nulla togliere alla Sua vis poetica, le suggeriamo la lettura di una buona grammatica latina,a constatare che "melius" è assolutamente corretto, in quanto neutro del comparativo di "bonus": "melior" per il maschile/femm., "melius" per il neutro.
    Poiché "risottum flavum" è neutro,ad esso va riferito melius. E dunque, correttamente, si è espresso Petronio.
    Quanto alla Sua citazione "ciceroniana", spiace correggerLa ancora :una lectio medievale ha forse corrotto la vera citazione, che si riferisce alle deiezioni quotidiane; ecco qui di seguito la frase originale:defecatio cotidiana tamquam bona tamquam sana (Cicero,de arte culinae,II,12)
    (absit iniuria verbis, ça va sans dire... )

    RispondiElimina
    Risposte
    1. che cicerone sia citato a capocchia, è cosa risaputa. e anche che venga storpiato per parodie ancorché volgareggianti, come il caso che illustra, illustrerrima.
      mea culpa per il melius.

      Elimina
  7. Sono avviliterrima :-(
    La mia colpevole assenza di emoticon nel precedente commento
    ha provocato un deplorevole misunderstanding, temo...ma io scherzavooooo !
    Aggiungo qui di seguito gli emoticon trascurati prima :-) :-) :-) :-) :-)
    (Lei lo sa che sono sempre stata una bambina stitica e che la mia mamma mi citava sempre questo adagio, per spingermi a restare seduta sul vasino in attesa? Non sapevo che Cicerone fosse l'autore, né conoscevo il De arte culinae ..ora me lo leggo , ce l'ho in libreria)

    RispondiElimina
  8. avviliterrima maddechè? :-P

    RispondiElimina

occhio. ché il K ti legge. e risponde, anche.