martedì 19 maggio 2015

TIME IS ON THE OTHER SIDE

e c'è stato un momento, di certo un momento preciso c'è stato. non sai quale né esattamente quando, ma sai che di certo c'è stato, il momento preciso, perché c'è sempre un momento preciso in cui una cosa accade, anche se non ci fai caso, e poi non sai più bene quando sia capitato, quel momento lì. e quindi c'è stato il momento preciso in cui è accaduto che è cambiata la direzione nella quale vedi scorrere il tuo tempo. prima, il tempo era un segmento dietro di te che partiva dal tuo inizio e ti premeva la schiena spingendoti avanti. il tempo era un "dall'inizio a qui", e davanti era un nulla vuoto e indefinito verso cui andare, senza una fine. ora il tempo continua ad essere un segmento, ma il segmento adesso è davanti a te, parte da te e arriva fin laggiù, e là si ferma, e non va più oltre. il tempo adesso è un "da qui, a là". e alla fine del segmento, lo vedi terminare, il tuo  tempo. e per fortuna, non sai quando.
e ti va bene così.

24 commenti:

  1. Ho capito. Te s'è fermato l'orologio. Capita.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. franco... franco... la senti questa voce?
      :''-D

      Elimina
    2. ..dai lo so che mi perdoni..mi è venuta d'istinto e non ho saputo frenarmi.. ma se ti leggo è perché scuoti l'immaginario, a volte cosi a fondo che sdrammatizzare rimane quasi un 'arma segreta contro quel nulla vuoto e indefinito col quale facciamo conti che non tornano mai. Ma va bene così.

      Elimina
    3. ahahaah ma ti pare?! e che c'è da perdonare? ;''-)
      e poi, hai assolutamente ragione. ché lo humor salva la vita, credo.

      Elimina
  2. A volte si fa di tutto perché questi momenti non accadano. E invece...

    RispondiElimina
  3. Su con la vita, se l'universo è in continua espansione anche il tempo lo sarà sicuramente :P

    RispondiElimina
  4. Prendere consapevolezza che tutto è finito, per me è il primo passo verso l'infinito.
    Chè ogni cosa, in primis, passa dall'accettazione.
    Del qui ed ora, del di qui a là, del mai e mai più o solo mai.

    Quei momenti, che sono la chiave di volta di tutto e ti girano la prospettiva che fino a un secondo prima ti era così tanto familiare, a me piace definirli come un clique..clique..clique.
    (e qui ti cito Kanye che questo commento era fin troppo serio per lasciarlo tale :P)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. che mica vogliam essere troppo seri, qui
      :-p

      Elimina
  5. E' un nuovo inizio?
    Con la consapevolezza, stavolta, di una fine futura?

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. o l'inizio è sempre il medesimo, la fine certa. e felicità a tratti
      ;-)

      Elimina
    2. E' la vita, dude!^^

      Moz-

      Elimina
    3. ed è bella anche per questo dude ;-)

      Elimina
  6. hai ragione! sai che non ci avevo mai pensato in questi termini? anche se poi, riflettendoci, era un po' il concetto dei centimetri di nanni moretti... no? :-*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. temo che il K non sia abbastanza morettiano manu per seguirti nei tuoi centimetri. ..
      <3

      Elimina
  7. A volte mi chiedo come tu faccia ad essere cosi profondo...

    RispondiElimina
  8. ecco l'episodio di cui ti scrivevo:
    https://www.youtube.com/watch?v=bB8k1QHUv5A
    baci!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahah è vero sì è questo il concetto. con la differenza che son ben felice di non sapere quanti siano i centimetri; -)

      Elimina
  9. Ti avevo scritto un bel commento, ma è stato risucchiato nel buco nero delle connessioni demmerda (scusa, ma il francesismo ci sta tutto!) delle quali mi avvalgo.

    In sostanza, io credo di essere nel segmento di mezzo.
    L'ultimo segmento, quello che mi consacrerá all'immortalità se decido di procreare, potrebbe ancora riservarmi sorprese...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. qualsiasi segmento ci riserva sempre sorprese....

      Elimina
    2. A me questo segmento odierno non porta piú sorprese gradite da un po'.

      Elimina
    3. allora passa all'opzione rossella
      ;-)

      Elimina

occhio. ché il K ti legge. e risponde, anche.