venerdì 13 marzo 2015

DI TRENI&TROLLEY

fi ri fì fì " i dementi degli studenti universitari che tornano dalla mamma il venerdì con il trolley di panni sporchi io li ammazzerei. sallo. stanno in mezzo alle palle. le future giovani menti. de stocazzo. la dottoressa odia il treno i venerdì e i lunedì mattina!"
 
"la dottoressa diventa vieppiù fighetta eh" invio >
 
fi ri fì fì  "la dottoressa ti chiede se quando tu andavi via due giorni avevi bisogno ti tirarti dietro un merdoso cane con le ruote!! ...e dalla dimensione inversamente proporzionale al quoziente intellettivo del possessore...."

54 commenti:

  1. Applausi. La gente dovrebbe imparare come si usa un trolley.

    RispondiElimina
  2. Risposte
    1. no contest, franco. la dottoressa è figherrima. ;-)

      Elimina
  3. per me il trolley è come il mio personalissimo cane fedele, sta sempre appresso amme'!
    e mi incazzo quando la gente ci sbatte contro.

    (se avevi dubbi sulla mia sanità mentali, fugali!)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. la gente che sbatte contro il tuo trolley..eggià... me li vedo proprio... 'sti marrani che gettano stinchi e caviglie contro il tuo trolley! poverino... che maleducati!!

      (..un sacco di certezze, il K :-D )

      Elimina
    2. no aspetta...io sono mooooolto rispettosa degli stinchi altrui. talmente tanto che a volte, per tenermelo il più vicino possibile, ci inciampo da sola.

      (sei sempre una gran bella botta all'autostima tu, eh. semi-cit.)

      Elimina
    3. (ma se sei il mirtillo urbano preferito del K, tu!)

      Elimina
    4. (il mirtillo urbano ama follemente il K.!)

      Elimina
  4. stamattina due ore in stazione tiburtina. a morte a morte. o almeno sette anni di risaia (c.u.).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. we' alpexex...ma non ti eri ritirato in una comune nei boschi ?
      sei connesso con l' energia biofotonica ? o quella dei biogas?

      Elimina
  5. "figherrima", "sallo".... Rag. covacci, sette anni di risaia in campo educazionale vietkong. minimo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. come sempre hai la flessibilità mentale di un paracarro, e la capacità cognitiva del guard-rail, tu.

      detto questo, magari prima di fare la saccente impara a scrivere viet cong. viet cong: sallo.

      Elimina
  6. Quando viaggiavo da sola mi portavo dietro un trolley enorme. ENORME. Bastava gettargli uno sguardo disperato e c'era sempre qualcuno disposto a portarmelo senza che chiedessi nulla. Ahahahahah, che mi hai fatto ricordare!

    RispondiElimina
  7. C'ho un trolley piccolino che uso solo per i viaggi superiori ai tre giorni.
    Ovunque vada.

    All'università avevo un trolley piccino che usavo per andare e tornare con libri e viveri, principalmente.

    Non avevo mamma e papá che mi accompagnavano, usavo i mezzi pubblici, non credo di avere mai dato impiccio a nessuno con i miei bagagli.

    Non sono d'accordo su tutta la linea del tuo post, stavolta, k ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. per fortuna.
      che se no tra un po' si chiamava ammmmore, CFA
      ;-D

      Elimina
    2. Ce ne vuole, k...
      Ce ne vuole...

      prendiamo due parole a caso.
      Gatto e amore.
      Leggi la prima e ti viene in mente un gatto.
      Leggi la seconda, cosa ti viene in mente?
      Un concetto ideale o una persona?
      O uno stato psico-fisico tuo personale?

      Sarebbe bello se la parola amore, come la parola gatto, fosse riconducibile a qualcosa di certo e univoco.


      Ma, in ogni caso, l'amore non é mica il pieno e concorde punto di vista su tutto!
      :))))))
      Quello significa essere cloni!!

      Elimina
    3. IL gatto....?! fai facile a dire gatto, tu! ma che gatto? soriano? siamese? o un nudo egiziano? un blu prussiano, forse? o addirittura un norwegian wood?... la fai facile.la fai
      ;-P

      Elimina
    4. L'ultimo che hai detto.
      Proprio quello lí.
      Anche nell'accezione beatlesiana.
      Anche in quella murakamiana.
      E nell'accezione, soprattutto, del cuore, quando la parola gatto coincideva con la parola amore.

      Elimina
    5. smettila subito di far la clone del K, tu
      ;-P

      Elimina
    6. :)))))))
      Mi fai mori', k!
      Sei un mito!

      Elimina
    7. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

      Elimina
  8. acidella, questa dottoressa. taci che non si occupa di giovani, va.

    RispondiElimina
  9. Risposte
    1. non credo ci sia molto da capire, in effetti :-D

      Elimina
  10. Terza persona. Punti fermi. Neologismi ed arcaismi. Insomma una conversazione perfetta

    RispondiElimina
  11. Io sono un ragazzo trolley, dal lundì al vendredì sto a Parigi e nel fine settimana in Italia.
    Rompo i coglioni col trolley?
    Non me ne frega un cazzo!
    La dottoressa può andare a fanculandia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma insomma.... un trolley non è esattamente una bestia indomabile dimenantesi e selvaggia... se uno non sa gestirsi un cubotto con due ruote e lo tira immancabilmente su alluci e stinchi non può lamentarsi se poi viene sfanculato, ti pare? ;-)

      Elimina
    2. Il più delle volte sono le persone senza trolley che camminano a minchia inversa, con la testa fiondata nell' IPhone e non guardano dove vanno.



      Elimina

      Elimina
    3. "a minchia inversa" ... scusami ma non riesco a smettere di ridere XD

      Elimina
    4. No, ma perdonala, è che ai tempi della dottoressa i panni li lavavano loro, senza portarli à maman, e che a star via il weekend, usavano il sac à dos. E che finite le lezioni stavano a fare i camerieri, certo non li facevano studiare à Paris, però. Perdona, erano altri tempi e altri modi. E il trolley faceva di uno sfigato che non ne rimorchiavi una manco a pagare, con le ruotine appresso.

      Elimina
    5. edp se studio a Paris è perchè in Italie non c'è nessuna università per ragazzi sordomuti e se studio a Paris è perchè sono per metà francese e me ne vanto pure, visto la merda che si trova in Italie.
      I panni me li lavo io, non li porto à maman e il culo per studiare me lo faccio il quadruplo degli studenti d'Italie perchè a Paris si studia, non si passa col 6 politico come è accaduto in Italie (nè si compano le lauree, come accade oggi).
      Perciò prendi il tuo sac à dos e torna in naftalina mentre io continuerò a viaggiare con il mio trolley che è tanto comodo.

      Elimina
    6. che una/o cammini sui miei piedi perché intanto guarda l'aifòn o se uno/a fa camminare il suo trolley sui miei piedi, per me è uguale: mi sta sul cazzo lo stesso. uguale uguale. possibile che la gente non sia capace di gestirsi in mezzo all'altra gente? eccheccazzo, si impara all'asilo, eddai.

      Elimina
    7. però Xavier.... perdona eh... ma se l'Italie è tanto una merde, che ce stai a fa? che l'Europa è grande e vasta, e il mondo ancora di più, no?
      ;-)

      Elimina
    8. Io 'sto 6 politico non l'ho mai visto, e all'università mi tocca studiare, mai avuto un 30 mostrando le tette.

      solita sfigata la Lola, anvedi ; -)

      Elimina
    9. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

      Elimina
  12. Quante volte ho rischiato letteralmente di volare inciampando su uno di quei demoni con le rotelle, nella lotta alla sopravvivenza dopo l'annuncio del binario del regionale verso casa... xD io quando ho avuto la casa dello studente, me li lavavo da sola i panni sporchi... libera di scegliere l'ammorbidente preferito, vuoi mettere? :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. una su un milione la lola, pare ;-)

      Elimina
    2. Esagerato? Ironico? Dai, ci piace così com'è, il K. ;-P

      Elimina
    3. nessuna delle due, lola
      <3

      Elimina
  13. Trolley? Io vedo tanti sacchetti biodegradabili, alcuni si fondono anche con il contenuto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e dove li vedi, esattamente?

      Elimina
    2. Sicuramente nella mia macchina :)

      Elimina
    3. la miele car compostibile :"-)

      Elimina
  14. Odio i trolley. Mi intralciano da morire.
    A costo di lussarmi la spalla uso una borsa da Mary Poppins :)

    RispondiElimina
  15. Ambiente famigliare... Bello anche qui

    RispondiElimina

occhio. ché il K ti legge. e risponde, anche.