lunedì 8 luglio 2013

E' STATE. OPPURE, SON STATE...

e poi ti ritrovi qui con una domanda che ti rigira nella testa: ma che fine hanno fatto le estati?
sì, le estati, già, proprio loro, quelle cose lì che duravano tre mesi, tre mesi vuoti di tutto e da riempire come ti pareva, ogni singolo giorno un foglio bianco, tre mesi che eri sempre via dalla città, tre mesi che ti divertivi, facevi cose… tre mesi che c'erano i cieli azzurri, i tuffi nell'acqua gelida, i prati e di notte le lucciole da guardare tra gli alberi del bosco, le biciclette a perdifiato, i fucili con gli elastici, gli amici, le amiche e l'oretta di compiti da fare, certo, anche, e poi via, via, via che passano gli anni e accelerano i tempi, e negli anni poi le ragazze, le spiagge di sassi, altri prati ancora, i baci rubati, le mani sui corpi, la musica, da bere, i locali tutte le sere, le prime macchine coi finestrini bassi per fumare, i primi viaggi sotto cieli sconosciuti e le città da scoprire… e tre mesi così, senza soluzioni di continuità, ogni singolo giorno un foglio bianco da colorare.
ecco, che fine hanno fatto? ché tu sei sicuro che c'erano 'ste cose, e sei sicuro che erano davvero fatte così, e che duravano tre mesi. e che si chiamavano estati, quelle cose lì che duravano tre mesi così.
a un certo punto però te le sei perse, tu, ché non sono mica 'ste robe qua di qualche week end e un paio di settimane via che adesso chiamano estate le estati quelle che intendi tu. ennò. mica la stessa roba. no no no.
però prima c'erano. te le ricordi. c’erano. ne sei sicuro.
credi, almeno.

 

24 commenti:

  1. c'erano, c'erano.
    le ricordo anche io.. un po' sfuocate ormai, con gli angoli ingialliti sulle fotografie, ma me le ricordo.

    RispondiElimina
  2. Erano lì. E sono ancora lì.
    Siamo solo noi che siamo stati e ora non lo siamo più. Almeno lì, in quelle estati.
    E leggerti mi ha fatto venire l'occhietto lucido, che io sono nostalgica e mi mancano quei profumi, quelle ombre, quei gradini infiniti di quelle estati lì.

    RispondiElimina
  3. ;)

    (è come se il tempo si contraesse sempre piu' e noi ci ritrovassimo a non averne, non abbastanza per camminare sui sassi di un ruscello con l'acqua gelida zaino in spalla -con le mele-, baciarsi alla luce delle lucciole con l'odore della notte a farci compagnia, mangiare le stringhe di liquirizia seduti al marciapiede con gli amici, starstesi ascoltando musica e disegnando sogni sul soffitto...)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. (tu sai di cosa stiamo parlando. esattamente.)

      Elimina
  4. Concordo. Ancora ci sono. Siamo noi che non ci siam più. Perché chi se li può più permettere tre mesi di nullafacenza? La vera sola è crescere. Peter Pan c'aveva capito tutto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. peter pan è uno stronzo.
      no, così, per ristabilire un po' di verità storica. :-)

      Elimina
  5. si che c'erano. e ci potrebbero essere ancora. non arrenderti, tenta. la vita è ciò che ci costruiamo, in fondo e se tu vuoi quella miscela estiva che ti faceva credere in quell'atmosfera, perché no? stasera esci in auto, senza aria condizionata, abbassa i finestrini e fermati a mangiare in cono gelato...che dici?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. dico che poi domattina è il lavoro.
      e allora non vale.
      che qui si vogliono i 3 mesi, t-r-e-m-e-s-i. che mica ci accontentiamo di meno, noi, e insomma.

      Elimina
  6. C'erano e ci saranno. Ora è solo un "mentre".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mareva for president.
      e questo dice tutto. olé. :-*

      Elimina
  7. C'erano. Alle elementari. Che per me non è stato molto tempo fa :)
    Adesso l'estate dura meno di un Calippo al limone...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. prima finisci le superiori, poi parli.
      :-P

      Elimina
  8. le mie di estati erano il caldo del pomeriggio, a sfogliare fotoromanzi, guardando Franco Gasparri che mi diceva " ti amo". E succhiare il ghiacciolo al limone fino a lessarmi le labbra, e stendersi per terra vicino alla finestra, litigare a solletico con mio fratello, e la sera mettersi la maglietta più carina che sotto casa a mangiare il cocomero veniva anche lui, e le lucciole, oh k quante dietro casa mia! che bei ricordi che hai svegliato ..
    Te possino!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie, mgg, per i tuoi ricordi. ... :-)

      Elimina
  9. mettici pure che a luglio diluvia e non puoi nemmeno goderti l'atmosfera estiva. Cioè, io mi accontenterei pure di quella.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I diluvi li abbiam lasciati a giugno direi dai

      Elimina
  10. E me le ricordo anche io così. E no, proprio no che non sono questa roba qua da week end fuggifuggi e 2 settimane ad agosto.

    rivoglio l'estate, quella là.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. proprio così questa roba in pillole non è estate. ...

      Elimina
  11. l'unico tempo che è stato solo mio. chissà se l'avevo capito all'epoca...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non le si capiscono mai durante, queste cose.
      quando va bene, lo si realizza dopo.
      :-)

      Elimina

occhio. ché il K ti legge. e risponde, anche.