venerdì 17 agosto 2012

STORIE DELL'ESTATE 2012

il vento. caldo. il ventocaldo. così caldo che evapora pelle e respiro. e così vento che batte terra battuta, che sfoglia tra le foglie degli alberi, che disegna le scanalature delle colonne e i bordi irregolari dei mucchi di pietre sparse a terra.
il ventocaldo che sfibra e sfinisce. ogni cosa. ognuna. ciascuna. tranne una. il frinire infinito delle cicale.

non serve a nulla nemmeno raschiare il fondo del barile di qualsivoglia reminiscenza liceale tu possa avere. ogni iscrizione è un enigma insolubile. riesci a leggerla. ma non puoi cavarne alcun senso. nemmeno una remota intuizione. no.
ti piace raccontarti che il problema è il tempo passato dai tuoi anni liceali. eggià. proprio.

malgrado il caldo irrespirabile, lo fai. malgrado la sensazione di star facendo una cosa idiota, lo fai. malgrado tu sia costretto a fare ‘sta cosa idiota sotto qualche centinaio di sguardi, lo fai.
corri. corri tutta la lunghezza dello stadio. dalla riga di partenza. a quella del traguardo.
hai corso a olimpia. tu. uau. 
sì, vabbé, sei circa 2.700 anni in ritardo. embè? perché star qui a spaccare il capello?

colori. ne bastano tre. a fare un intero mondo. un mondo di tre colori.
l’azzurro terso e scintillante del cielo. del mare. e delle cupole.
il bianco splendente delle case.
il nero della terra e delle rocce laviche.
bastano tre colori a disegnare atlantide. o quel che ne resta. e che chiamano santorini.

rodi è un solo colore, invece. uno solo. il grigio. il grigio della pietra con cui è costruita la città fortificata medievale. cristiana. la rocca, le mura, il palazzo, la cattedrale. e poi, le moschee a ricordare i secoli musulmani. che in grecia nulla è stabile, tutto muta e fluisce. sempre.

grigio anche qui. grigio della pietra che fortifica, che arrocca. e che costruisce e si abita, anche. e il rosso dei tetti a ricoprire tutto il grigio. è così che la città fortificata è grigia e rossa e protesa sul blu del mare. 
l’isola che chiude l’orizzonte, una memoria di marai.
c'è venezia in ogni architettura, qui. la memoria dei secoli nei quali era detta ragusa. oggi si pronuncia dubrovnik. e sembra così lontana la guerra, ora. che era solo vent’anni fa. la guerra di cui non ci eravamo nemmeno accorti, da qui, noi.


(percorrere la geografia, qualsiasi geografia del bacino del mediterraneo, ti dà sempre questa sensazione dell’intrecciarsi della storia, o meglio delle storie. e delle genti. e ti lascia sempre con la domanda di cosa definisca realmente l’identità. qualsiasi identità. anche oggi. anche la tua.)

52 commenti:

  1. non ho mai visitato, e probabilmente mai lo farò, i posti che hai visitato tu. Ma ho sentito il caldo, la fatica, ho visto i colori, le rocce, l'architettura. E' un po essere stata in vacanza questa sera. Per un pezzettino della mia serata, sono stata li. Grazie di avermi portato con te K.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e costa pure meno del tuo tour operator preferito, il K
      :-)

      Elimina
  2. quanta grecità, quantissima grecità. mi mancano solo i fichi per ritrovarmici.

    RispondiElimina
  3. Un sacco di ricordi, lasciati nell'Egeo.
    Anche se Rodi mi manca, Santorini la ricordo bene: è stata il punto di partenza e di arrivo di tante peregrinazioni da quelle parti, in isole sempre più piccole.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti.
      Tra l'altro, non lo sapevo mica che eravamo conterranei!

      Elimina
    2. già, vero. lo noto solo ora anch'io.

      Elimina
    3. Se non ti sembra troppo adolescenzialsteroideo magari prima o poi ci si incontra per qualche aperitivo molto molto alcolico. ;)

      Elimina
    4. certo! che tanto mica andiamo a bere con stallone o van damme e vin diesel, no? :-P

      Elimina
  4. Ora posso finalmente dire di essere stata in Grecia. Almeno una volta. Tra le parole del K. Poi, un giorno. Ci andrò per davvero. Forse. Perché nulla è certo, qui.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. che viaggi col K! e costa pure meno del tuo pusher preferito, ade :-D

      Elimina
  5. dall'anonimA del Banale:
    ti serve un massaggio fatto da me, fidati :D

    RispondiElimina
  6. La prossima volta che vuoi portarci in viaggio con le parole avvisa però...almeno già dal titolo ci abitueremo all'idea che finirà troppo presto,essendo un post :)

    ps."il vento. caldo. il ventocaldo. così caldo che evapora pelle e respiro. e così vento che batte terra battuta, che scivola tra le foglie degli alberi, che disegna le scanalature delle colonne e i bordi irregolari delle pietre a terra.
    il ventocaldo che sfibra e sfinisce. ogni cosa. ognuna. ciascuna. tranne una. il frinire infinito delle cicale."
    Parliamone.Ma quant'è bella quest'introduzione?!:D

    RispondiElimina
  7. Ha corso le Olimpiadi, lui. Pistolius. :-P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. santepippe va subito al sodo, eh! brava! :-P

      Elimina
  8. il lato romantico del k.
    che va a santorini.
    anche un po' il lato stronzo peró.
    chè va senza la v.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. la V è impegnata. il K ha dovuto adattarsi.
      è un mondo difficile. per il K. che non può averti per sé. lo sai.

      santorini meta romantica? maddai. avessi detto parigi. o tallin :-D

      Elimina
  9. Limitati a leggerle, quelle lettere. Cioè, secondo me fa abbastanza fico anche così, dai...Che il Rocci, in valigia, pesa assai.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. il rocci peserebbe anche in un e-reader :-D

      Elimina
  10. bello. davvero.
    soprattutto l'"azzurro terso e scintillante del cielo. del mare. e delle cupole." unito al "nero della terra e delle rocce laviche."
    un sogno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. tu devi farti curare. lo sai, vero?

      Elimina
  11. almeno una cartolina...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma come... non t'è ancora arrivata?!

      Elimina
    2. ancora no, 'nnaggia!
      (un paio di foto no le tienes? da quel che vedo fai scatti decenti. fàcce vède, su!)

      Elimina
  12. Che strano... Intanto io leggevo Il mandolino del Capitano Corelli.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. cos'è, il tuo periodo rosa? :-D

      Elimina
    2. E' il mio periodo greco, stronzo! Era per dire che pur'io in un certo senso ho viaggiato in Grecia nello stesso periodo in cui eri lì. Ma vabbè, hai ragione, era tutto troppo poetico.

      Elimina
    3. sei bella quando ti arrabbi.

      Elimina
    4. La tipica frase da dire ad una donna per distrarla dalla sua incazzatura.
      Complimenti per distrarre.
      Pf.

      Elimina
    5. Ma almeno lo decido io, se distrarmi o no!

      Elimina
    6. ari, lo decidi tu, lo decidi tu.... ma lasciati andare ogni tanto, no? :-P

      Elimina
    7. E questa è la frase tipica che un maiale direbbe alla ragazzina che s'è portato in cima alla collina in macchina in una "fresca" serata d'agosto.

      K, k... Non va bene...

      Elimina
    8. tu guardi troppi porno, ari.

      Elimina
    9. cos'è, ti han messo il parental control sul pc? :-D

      Elimina
  13. Invece al mare in Toscana le cicale non c'erano. E' il primo anno che non le sento, sarà l'effetto dell'inquinamento?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. saranno andate tutte in vacanza in grecia, direi :-D

      Elimina
  14. http://www.youtube.com/watch?v=SiZNl8p_pDk

    bentrovato :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. bentornata, tu!

      e bentornato pure fiumani, a quanto pare...

      Elimina
  15. aahh che scorpacciata! Che bel post(o).
    Grazie!

    p.s.: a proposito di colori mi viene in mente quando mi dissero che i templi in Grecia in origine erano tutti colorati. pensai che si fossero sbagliati (non i greci eh) controllai. rimasi interdetto.

    Ben tornato!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non solo i templi. anche le statue.
      pensa te che arte avremmo, ora, noi occidentali, se i monumenti greci ci fossero arrivati come in originale, e non sbiancati....

      Elimina
  16. Ciao!
    Quanta Arte nei tuoi tastini schiacciati…cultura vera

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao! ....facciamo finta che non eri ironica, vuoi? :-)

      Elimina
  17. Una crociera....anche io l'ho fatta e ho visitato Dubrovnik....spettacolo!!

    Lafatabastarda

    RispondiElimina
  18. Hai corso a Olimpia, ti odio. E non ce ne frega nulla dei 2700 anni, è proprio il concetto.
    E io Rodi l'ho vista grigia, ma anche blu e gialla.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mi va bene. solo perché l'odio, si sa, è l'anticamera dell'amore.
      :-P

      anyway, puoi farlo anche tu. è solo a un volo lowcost di distanza da te. :-)

      Elimina

occhio. ché il K ti legge. e risponde, anche.