venerdì 24 agosto 2012

PUNTO

“va bene se passo stasera a recuperare le ultime cose?”. “ah già, è vero, la sua roba”. che non ci pensavi nemmeno più, tu. dopo due anni te ne eri anche dimenticato. vinili. libri. qualche fumetto. poco d’altro. e poco di che, in fondo. tre cartoni. che recuperi dalla cantina. e infili nel baule della sua auto. e poi, siete lì, sul marciapiede, vi guardate, e senza molto da dirvi. ma forse non c’è nemmeno bisogno di avere qualcosa da dirsi, no? che basta la consapevolezza che ora, così, non ci sono proprio più sospesi tra voi. è tutto così semplice. e conclusivo. come mettere il punto in fondo a una frase.
semplice. e conclusivo. punto.

50 commenti:

  1. Quei minuti sul marciapiede sono i più imbarazzanti, forse resta qualcosa di non detto, forse non c'è davvero niente da dire, magari nel frattempo si sono aperti altri capitoli e si ha solo fretta di allontanarsi l'uno dall'altro.
    Se una storia è finita, anche a me fa bene non avere sospesi.

    RispondiElimina
  2. fischia. due anni per recuperare dischi, libri e fumetti? sarebbero le prime cose che porterei via...

    (questa è una puttanata che ha il solo scopo di smorzare un po' la tristezza di un'immagine che personalmente mi uccide un pochino. amen)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. come potrei non dare ragione aprioristicamente a chi ha la K in mezzo al proprio nome? :-)

      (tocchiamo nervi scoperti, qui?)

      Elimina
    2. sei un feticista della k?

      Elimina
    3. un affezionato, più che altro.

      e tu, una feticista del K? :-D

      Elimina
    4. ovvio. "k, basta la parola!"

      Elimina
    5. ...speriamo solo che l'effetto sia diverso, eh :-D

      Elimina
    6. brava! piace come ragioni. :-)

      Elimina
  3. se è semplice non è sofferenza. punto. e ora hai posto in cantina. io a te ti stimo. ok ora vado.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. basta che non mi chiedi di metterci i tuoi, di cartoni, lì in cantina :-D

      Elimina
  4. Niente marciapiede....sul pianerottolo di casa mia un anno fa...che liberazione!!!

    Lafatabastarda

    RispondiElimina
    Risposte
    1. liberazione per lui? o per la sua roba?

      Elimina
    2. liberazione per me....

      Lafatabastarda

      Elimina
  5. io non me lo vedo, il grande Kovalski, una sera sbattersi la mano sulla fronte e dire:"cazzo, le mie cose" a proposito di quelle cose tanto care da lasciargli vivere due anni senza sentirne la mancanza. Le cose importanti Kovalski sarebbe andato a prendersele qualche giorno dopo aver mollato la femmina, tralasciando di telefonare, aprendosi la porta a spallate. Sguardo di commiserazione al tizio che nel frattempo si era preso in braccio la sua ex, occhiolino a quest'ultima e... Tex Willer sotto braccio e tanti saluti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma infatti. il K mica lascerebbe in giro libri, dischi e fumetti. ma ti pare? che ci sono priorità, nella vita. e che priorità.

      Elimina
  6. semplice? ...se davvero così fosse , ti invidierei sinceramente !

    RispondiElimina
  7. per questo io trasloco in una volta sola. tutte le volte.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. beh, ne tengo conto per il futuro :-D

      Elimina
  8. È abbastanza atroce, nella sua semplicità. Anche dopo due anni.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. atroce? no, dai. direi che c'erano possibilità molto più atroci di questa, anche dopo due anni, ti pare?

      Elimina
  9. Ti auguro di vedere il Punto in una prospettiva differente.

    http://www.youtube.com/watch?v=QybUrYZSuwc

    (e se Jovanotti ti fa schifo non è mica colpa mia, ma sua ;-))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahah
      grande pnv!
      fuori tempo massimo, la canzone mica tu, ma mica colpa tua, ma sua, :-D

      Elimina
  10. Ma tu ti sei tenuto la sua roba in cantina *due anni*?
    io glie l'avrei messa sul marciapiede dopo qualche giorno.
    magari ci facevi due soldi, anche.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e perché avrei dovuto far lo stronzo? che in fondo, non mi è costato nulla tener lì qualche scatolone.
      e soprattutto... non credo che ci avrei fatto granché :-D

      Elimina
  11. io ho portato via tutto subito, proprio per evitare il "due anni dopo"... o per evitare l'opzione del commento sopra al mio, la mia roba venduta su di un marciapiede. per i vinili comunque, a saperlo, qualche euro te l'avrei anche dato ;)

    è strano vedere come la vita poi si possa chiudere dentro a degli stupidi scatoloni, questo l'ho pensato mentre li facevo e lo penso ancora mentre cerco casa e ho scatoloni lasciati nella cantina dei miei. la mia vita in una cantina... occorrerà che qualcuno la spolveri, poi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. cos'è, siamo già all'annuncio cuori solitari? :-D

      Elimina
    2. Mi sentirei di dire solo un "pirla" e niente altro :D

      Elimina
    3. certo che con un carattere così... :-P

      Elimina
    4. Ma se sono adorabile!

      Elimina
    5. praticamente un colpo di fulmine

      Elimina
  12. Mettere il punto è la cosa in assoluto che più mi spaventa...per questo a malincuore vivo di sospesi e punti di bilico...

    RispondiElimina
  13. mettere un punto di spaventa... e quindi ne metti tre per volta anziché uno solo... che sembra un paradosso, in fondo... :-)

    RispondiElimina
  14. "sembra" un paradosso. quando invece è proprio adatto... :-)

    RispondiElimina
  15. Mi hai fatto appena ricordare che il K stronzo ha il mio primo libro di pianoforte per bambini.
    Porcaputtanamisodimenticata.
    Dici che va bene se passo a riprenderlo fra due anni?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. dipende. quanto è passato, ad oggi? :-)

      Elimina
    2. Qualche mesetto.
      Azz. Mi tocca aspettare ancora più di un anno e mezzo.

      Elimina
    3. se vuoi arrivare fuori tempo massimo, sì
      se no, anche domani :-)

      Elimina
    4. Mi sta troppo sul cazzo. Devo aspettare che quest'antipatia nei suoi confonti si smorzi. Non è cosa facile.

      Elimina
    5. 1 anno e mezzo, così davvero lo prendi alla sprovvista :-)

      Elimina

occhio. ché il K ti legge. e risponde, anche.