domenica 1 gennaio 2012

20-K-11

visto
american life   -   biutiful   -   carnage   -   gorbaciof   -  heimat   -  i ragazzi stanno bene  -   l'albero della vita   -   l'arte del sogno   -  l'uomo che amava le donne  -   midnight in paris   -   paranoia agent  -   somewhere  -   the voices of a distant star  -   this is england   -   tomboy  -  una sconfinata giovinezza

sentito
dente, iotradinoi  -   dente, l'amore non è bello   -  einaudi, nightbook  -   j.mascis, several shades of why   -   kalkbrenner, icke wieder   -   le luci della centrale elettrica, per ora noi la chiameremo felicità  -   mogwai, hardcore will never die, but you will   -  murdoch, time without consequence  -   radiohead, king of limbs  -  soley, we sink  -   whitetree, cloudland

letto
asano, solanin   -  auster, sunset park   -  baronciani, le ragazze nello studio di munari   -   cèline, morte a credito  -  de carlo, tecniche di seduzione   -   di grado, trenta acrilico settanta lana   -  enard, zona   -   fior, cinquemila chilometri al secondo  -   murakami, i salici ciechi e la donna addormentata   -   sorrentino, hanno tutti ragione   -   vivés, nei miei occhi

16 commenti:

  1. Vedo che abbiamo molti autori in comune che ci piacciono.

    RispondiElimina
  2. zona è il capolavoro di cui parlano tutti? non l'ho ancora preso perché non mi convince del tutto...

    RispondiElimina
  3. pyp: beh, quando uno ha buon gusto... :-)

    rosesandcherubim: secondo me, un gran libro, inatteso inaspettato rutilante travolgente un lungo lunghissimo monologo interiore della guerra della terra della guerra dell'amore della guerra

    RispondiElimina
  4. biutiful è quanto di più doloroso io abbia mai visto!
    adesso che mi ci fai pensare non riuscirei ad elencare così, sull'unghia, le cose che ho visto/sentito/letto...ma tant'è!

    il primo film del 2012, però, sarà "Miracolo a Le Havre"...ricordatemelo verso dicembre:-)
    denghiu

    RispondiElimina
  5. non è tanto il fatto di appuntarsi autori, titoli, frasi, quanto la costanza nel farlo. io resto sempre ammirata da queste forme di (lo chiamerei addirittura) rigore.

    RispondiElimina
  6. cirinciampai: io ci riesco solo tenendone traccia durante l'anno. ...non mi ricordo cosa ho visto ieri sera, come vuoi che possa ricordarmi gli ascolti o i film di tipo marzo scorso? :-)

    cinas: quello moltissimo. l'avevo letto una vita fa, e l'avevo completamente dimenticato. e rileggerlo, sarà anche per il momento in cui l'ho fatto, mi ha fato ri/scoprire un libro molto bello.

    cristina dici che è una roba tipo serial killer? :-)

    apepam: caso mai :-)

    RispondiElimina
  7. cri tipo, preoccupante... :-/

    RispondiElimina
  8. sorrentino il più grande regista italiano contemporaneo a mio modo di vedere (metto però il recente - this must be the place - in coda, anche se buon film)

    hanno tutti ragione - notevolissimo, ritmo immediatezza, passaggi evocativi fulminanti

    RispondiElimina
  9. il francese: pienamente d'accordo su sorrentino. come miglior regista italiano. e su this must be the place come non al livello degli altri (anche se certe inquadrature erano fenomenali). come scrittore una splendida sorpresa.

    RispondiElimina
  10. dovrò iniziare ad appuntarmi le cose che vedo/sento/leggo durante l'anno ... ah, già lo faccio su anobii/FB/blog.... forse allora dovrei smettere di appuntare... tanto dimentico lo stesso :-(
    p.s. a me questo rigore "tipo serial killer" piace.

    RispondiElimina
  11. alessandra il fascino in/discreto del serial killer, tipo :-)

    RispondiElimina
  12. kovalski
    quanto tempo. quasi quanto céline.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. c.t.l.d.a.: beh, dai, celine molto ma molto più tempo del kovalski. oppure, il kov li porta davvero bene.
      (ma farsi riconoscere no?)

      Elimina

occhio. ché il K ti legge. e risponde, anche.