mercoledì 24 agosto 2016

DETTO DA P.L.F.

" solo occasionalmente ci si rende conto della cruciale importanza di un processo appena iniziato: che, cioè, quei particolari dipinti, poemi, generi musicali, libri o idee stanno per cambiare ogni cosa, o magari ci si sta per innamorare o si sta stringendo l'amicizia della vita; sono questi i molti, lunghi fili che, intrecciati insieme, compongono un'esistenza. ci si aspetterebbe di sentire lo sparo attutito di un segnale di partenza. "





15 commenti:

  1. In effetti un segnale acustico aiuterebbe :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è per 'ste cose che servirebbero le colonne sonore, nella vita...

      Elimina
    2. Per la maggior parte degli uomini la colonna sonora dell'esistenza è il fragore compiaciuto dei propri rutti e delle proprie scorregge.

      Elimina
    3. Passano gli anni, ma i commenti di SS sono sempre due tacche sotto il deficit cognitivo, eh...

      Elimina
  2. Mah, in giovinezza percepivo molte più cose. Sono convinta che i segnali dentro di noi ci sono, peccato che a quanto pare io ho smesso di sentire.

    (ma che carina la capretta :3 )

    RispondiElimina
    Risposte
    1. a volte sì, lì percepiamo...Ma spesso ce ne accorgiamo solo dopo, con una sorta di costante esprit de l'escalier...

      Elimina
  3. Sarebbe bello, se si potesse discernere così, la differenza tra due batticuori, tra due rossori, l'uno destinato al climax e l'altro al fallimento. Ma poi forse, ci sarebbero troppe storie a lieto fine. Allora poi sai che noia, la letteratura, il cinema, l'arte, la vita.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. viverle per poter scoprire come e cosa sarà, già...

      Elimina
  4. Mi hai fatto venire voglia di rileggere Mani. :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io non saprei quale scegliere, ammetto....

      Elimina
  5. Da quanto non passavo di qua ;)
    Me lo segno.
    P

    RispondiElimina

occhio. ché il K ti legge. e risponde, anche.