venerdì 15 gennaio 2016

QUITE THE CONTRARY, EVOL

è così strano questo tempo al contrario, sai? questo tempo al contrario dei giorni della metà di gennaio...
è così strano pensare la notte quando qui è giorno e luce e lavoro e rumori e voci e movimento; e poi, dopo, è così strano pensarti nel tuo giorno mentre qui è notte e nero e silenzio e piumone e abbracciare un cuscino e un letto enorme in cui scivolare in diagonale cercandoti.
è il tempo contrario del parlarci quando il risveglio di qui è la buonanotte di là, o darti il buongiorno quando qui intanto è buio e scorrono i titoli di coda di un qualche film.
è il tempo contrario di 16.219 chilometri a invertire ogni cosa, parlandoti di un inverno mentre tu racconti l’estate.
ma il tempo aiuta. il tempo ci aiuta, e scorre. il tempo scorre e i giorni passano, passano alla medesima velocità attraverso i giorni al contrario e le stagioni opposte. e anche i cieli cercano di annullare questa distanza, guardali, guardali come fanno finta i cieli, qui, che non sia inverno, di poter essere estate anche loro.

 
 
 

e da qualsiasi lato io lo guardi, al dritto o al contrario, resta questo vuoto, che ha la forma di te.

19 commenti:

  1. Risposte
    1. Incre che?
      Ormai parli troppo giovane e io no comprendo...

      Elimina
    2. "incre" troppo giovane?! maddai! era giovane nel 97, era, "incre" ;-)

      Elimina
  2. Che poi comunque luce o meno il cielo è lo stesso, e a guardarlo entrambi nello stesso momento i vostri sguardi si possono incrociare :) (toh che melensa che sono, ma anche se stupida è una cosa che fa sentire più vicini)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...qua s'ha da controllare il tasso di glicemia eh :-D

      Elimina
    2. Eee che sarà mai, ogni tanto fa bene, tu insegni :P

      Elimina
    3. il k non cede alle provocazioni.
      sappitelo.
      ;-p

      Elimina
  3. Risposte
    1. non ti sfugge nulla eh scientist.... ;-)

      Elimina
  4. Vabbhè, ma qui c'è l'ammmmoooooreeeeeee! Io propongo di aggiungere come appendice questo tuo post al libro "Ricordati di guardare la Luna" di Sparks! Comunque, bello constatare che gli uomini romantici esistono ancora" Kovalski speranza per l'umanità!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma non è romanticismo.
      è pura vita.
      ;-)

      Elimina
  5. questa saggezza intrinseca e per nulla scontata ci piace

    RispondiElimina
  6. L'innamoramento soltanto provoca questi effetti. Sei innamorato quindi... faccio un giro sul tuo KovalskiBlog per vedere chi frequenti e cosa scrive.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. fai pure. la porta è sempre aperta, qui. si sa. :-)

      Elimina
  7. Eh...per capire un blogger mi tocca cercare un post doloroso/amoroso.
    Quindi eccolo.
    E quindi cavolo, come ama 'sto K.
    :))))

    RispondiElimina

occhio. ché il K ti legge. e risponde, anche.