lunedì 1 dicembre 2014

DEI TUOI EVEREST INTERIORI

son passati gli anni e non son passati indenni. ché anno più anno meno son quasi vent'anni che sei uscito di casa. son passati gli anni solo e son passati gli anni conviventi, e di nuovo gli anni solo e poi ancora conviventi, e nuovamente solo poi. sono passati gli inverni delle notti buie presto e le estati delle cene alle dieci senza accendere la luce. son passati centinaia di libri, film innumerabili e qualche tonnellata di musica. son passate persone più di quante ne saprai mai ricordare, e sguardi o parole o gesti che non sapresti neanche volendo dimenticare. son passate le champions league e i campionati. è passata la minibimba che hai visto diventare minidonna. son passati i chilometri di andate innumerevoli e gli eterni ritorni. son passati colleghi e son passati clienti, son passati fornitori e son passati consulenti. è passato l'etac e son passati pure gli sms. son passate camere d'albergo e città e paesi, son passati continenti. son passati trolley e porta-abiti e son passati zaini e scarponcini impolverati. son passate parole innumerevoli e son passati blog e nick per scrivere te. sono passati numeri di telefono e parole nelle notti. son passati batticuori e disinteressi, noie ed emozioni. son passati i momenti che non ce la farai mai. son passate le convinzioni di averla finalmente trovata.
son passati anni di quotidianità e di case da mandare avanti, anni a scegliere i quadri e le luci, anni ad impilare libri e dischi, anni a riparare tapparelle e a tinteggiare muri, anni a scrivere su quaderni, anni a raccontare fiabe per le buonenotti o a raccontarti fiabe per sperare un po'. son passati anni a vedere la micia diventare vecchia ronfando sul divano a fianco a te. anni di piante e balconi. anni a imparare a cucinarti e a imparare a bere. anni. sono passati anni, e ne son passati molti. vent'anni e innumerevoli pasti. innumerevoli. e ci hai messo vent'anni tu.  vent'anni, record del mondo. vent'anni ci hai messo tu. per farti le tue prime due uova. anvedi oh.

13 commenti:

  1. Chissà quanti ne passeranno per farti una omelette comecristocomanda allora... (certo se poi invece del sale ci metti una punta di zucchero, non saranno anni trascorsi invano...)

    RispondiElimina
  2. A volte il tempo scorre senza neanche accorgertene.... non è mai troppo tardi!

    RispondiElimina
  3. Ti sei ricordato di toglierle dal guscio, vero? :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ah... ma.... vuoi dire che... davvero non era "un croccante rivestimento per rendere unica e piacevole l'esperienza palatale"?
      nuooooo

      ;-P

      Elimina
  4. Oh beh, ora è tutta in discesa, vedrai! Ti ci vedo già ad impastare!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ne riparliamo tra altri venti, eh ;-)

      Elimina
  5. Mi piace quando l'uomo sa evolversi... applausi! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. evoluzion?! gli fa 'na pippa darwin al k, gli fa... ;-D

      Elimina
  6. Vent'anni... per diventare una gallina?

    Sto scherzando ovviamente.
    Il post é bello bello, condivido parecchie cose di quelle che hai scritto.
    E mi domando, se finora ho fatto tutto quello che andava fatto, cos'altro mi resta da fare se non altro cui non ho ancora pensato, o ripetermi, pure?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e se la risposta fosse semplicemente "quello che giorno per giorno, volta per volta, ci viene la voglia di fare" ?

      Elimina
    2. Che é un po' quello che si fa giá, tolti gli impegni di lavoro.
      No?

      Elimina

occhio. ché il K ti legge. e risponde, anche.