domenica 9 novembre 2014

BLACK MOUNTAINS HOP

di là dai vetri, nubi grigie che scorrono lente a velare la luminosità di luna piena che disegna il profilo di montagne nere, e il gelo e il buio e la notte, e i rintocchi delle campane a segnare le due, le tre, le quattro.
di qua dai vetri, riempire lo spazio e le lenzuola di gesti sfiorati e di piccole parole, respirando la pelle con lo sguardo perso attraverso i cieli neri e i rintocchi delle ore, sussurrando parole come un mantra personale, come un incanto privato. 

questa è la notte di montagne nere e piccole parole, e quello che ti fa.

8 commenti:

  1. Risposte
    1. i cieli, e le notti.
      tutto tuttissimo.

      Elimina
  2. Io quel campanile l'avevo già bazookato. Diciamo alle due. Massimo alle tre

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è peggio quando vorresti dormire, in realtà ;-)

      Elimina
  3. da quando ero poco più che un lupo, le notti di luna nuova hanno sempre rappresentato per me dei nuovi inizi. sono magiche, come le piccole parole.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. piena. non nuova. sbagliai. mi scuso. ;-)

      Elimina

occhio. ché il K ti legge. e risponde, anche.