mercoledì 22 ottobre 2014

LE VENT NOUS PORTERA

e dopo una notte,  e un giorno intero,  e poi una sera ancora di maestrale a spazzare i cieli e a spazzare i marciapiedi, e l'aria che si fa trasparente e tagliente, e tiri su il cappuccio per camminare la strada dalla palestra a casa, dopo tutto questo,  le vent se lève! ...il faut tenter de vivre! ...e sì. proprio così.  con questo vento non ti resta che provare a vivere. già.

[© paul valéry]

8 commenti:

  1. A me il vento non piace sempre.
    La brezza si.
    Il vento dal finestrino quando guido che poi i miei capelli son da buttare pure...
    Vorrei mettere le virgole e correggere, ma il cellule n. "N" al momento non ne vuole sapere.
    E comunque, k, quando c'ê così tanto vento bisogna alzare le vele ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahah è vero è vero, comefossi, è vero! le vele! alzare le vele! e alzare i tacchi anche. prender la strada. o prendere il largo. prendere qualcosa insomma. foss' anche un'aspirina. o prendere un rhum forse, meglio. e tu, cosa prendi?

      Elimina
    2. cellule naturalmente sta per cellulare.
      il n. "n" nel giro di pochissimo tempo...
      ah, benedette correzioni!
      alzare i tacchi insieme alle vele sta bene.
      mi sembra un'accoppiata onesta.
      io predo un rhum, con cioccolato fondente.
      che musica scegliamo, k?

      Elimina
    3. rhum e fondente? come tacchi e vele, accoppiata perfetta. ci sta ci sta. la musica per notti nere e di vento teso, e per rhum e fondente? un pianoforte a far da sfondo al tutto. satie.

      Elimina
  2. Qua c'è un vento che tra un po' si porta via casa mia. Se non mi sentite più, cercate la strada di mattoni gialli, probabilmente son lì.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e allora sarà un goddbye yellow brick road :-D

      Elimina
  3. A me è venuta subito in mente questa

    "....teniamoci stretti che c’è vento forte
    ancoriamoci
    l’una all’altro
    l’altro all’una
    finché non calma
    e se non calma
    perché potrebbe non calmare – bada – potrebbe
    se ci molliamo

    saremo scaraventati via lontano
    sarà poi difficile trovarci
    forse impossibile
    dimenticheremo le nostre voci
    le nostre facce
    dimenticheremo ciò che ci piaceva dirci e farci

    dunque ancoriàmoci
    bellezza mia
    ti tengo stretta
    mia unica bellezza
    che tu mi tieni

    ed io sia maledetto
    se mollo questa presa di salvezza "(G.Catalano)

    RispondiElimina

occhio. ché il K ti legge. e risponde, anche.