domenica 15 giugno 2014

BOOK OF BRILLIANT DAYS

e poi ci sono i giorni dell'incanto. i piccoli giorni luminosi e scintillanti che scorrono naturali e senza sforzo, come scorrono i fiumi o le nubi nei cieli azzurri di vento, come le traiettorie delle stelle o della luna in cielo, con quella naturalezza delle cose che accadono così come accadono semplicemente perché non possono essere null'altro da ciò che sono.

ci sono i giorni dell'incanto, poi. i  piccoli giorni scintillanti che sembrano accadere così come accadono semplicemente perché non possono essere null'altro da ciò che sono.

10 commenti:

  1. Sei proprio in uno stato di grazia ragazzo mio...

    RispondiElimina
  2. Tutto è sempre come deve essere. Solo che è più facile accettarlo quando c'è della luce in mezzo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e cosa posso aggiungere alla saggezza?

      Elimina
  3. cosa c'è di più incantevole dello scorrere naturale delle cose?
    quando non c'è disagio, forzatura?
    :)

    RispondiElimina
  4. Io te li invidio un po', lo ammetto ... :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ammesso e non concesso ci sia da invidiare, poi, in realtà...

      Elimina
  5. In Grecia ho preferito nessuna alternanza. Solo scintillìo abbacinante, Certo ne risentono i tramonti.. tutti lì in fila a fotografare una palla di fuoco nell'acqua.. manco mezzo sbuffo di nuvola a sciabordare attorno.. se li sognano certi crepuscoli romani di cirro ricamato... ma va bene così. In Grecia. Deve solo abbagliare, il tempo, e a scintillare ci pensala calce delle chiesette appese....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e l'azzurro sopra e l'azzurro sotto, che al biancoabbacinante ci pensano le case....

      Elimina

occhio. ché il K ti legge. e risponde, anche.