sabato 22 marzo 2014

SCORRIMENTI (o de i destini generali)

a volte ti domandi se la tua vita non assomigli a linee tracciate sopra una qualche mappa (in un mondo in cui le mappe erano ancora di carta e ci si poteva scrivere e tracciare linee sopra). ed eccoti qui a tracciare un'altra linea sulla solita mappa ad unire la città in mezzo alla pianura alla città dove finisce il mare. e scorri lungo questa linea e sotto cieli grigi che ancora non piove quel che avrebbe dovuto piovere. ascolti le luci. canti pà pàpàpà pà pàpà. pà pàpàpà pà pàpà. pà pàpàpà pà pàpà....




16 commenti:

  1. a volte non sai dove stai andando....e speri ci sia una mappa per te.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e a volte la mappa la disegni man mano che vai...

      Elimina
  2. Ma quelli che le mappe, invece, le fanno per gli altri perché loro la strada la conoscono ad occhi chiusi? E pure se piove o se c'è nebbia a grossi scatoli, loro vanno a velocità da crociera? Quella è gente che canta? O ascolta le luci? O immaginano una pioggia dove non c''è ancora? Mi sa che non l'invidio mica...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. finché è qualcun altro quello che non si invidia, va tutto bene, lampo...

      Elimina
  3. Io mi sento come quelle strade rappresentate dal tutto-città che sono costrette ad interrompersi per ricominciare in un altro riquadro di un'altra pagina.
    Una bella metafora per dire: a pezzi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. o per dire "troppo vaste per stare su una pagina sola"

      Elimina
  4. invece di pà pàpàpà pà pàpà, io ti farei cantare road to nowhere dei talking heads, però!
    :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...e allora sarebbe fà fà fà fàfàfà fà fà
      :-P

      Elimina
    2. ma il video è sempre stato qui?
      non c'era quando ho commentato..
      non c'era, vero?
      ok. vado a farmi un caffè... buongiorno :)

      Elimina
    3. la tentazione è fortissima. issima issima.
      ma no, non c'era :-)

      Elimina
  5. C'avresti un Premio da ritirare da me.. (non me picchà..)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. da te non me lo sarei proprio aspettato, Lampo.
      no no e no.

      (denghiù :-P )

      Elimina
  6. Senti...
    Lo sai che io ho amato il Brondi tantissimo. Davvero, io e lui una cosa sola.
    MA L'ULTIMO ALBUM CRISTODDIO. L'ULTIMO ALBUM. MA CHE MERDA E'? Perché sta provando a cantare quando lo sa anche lui che è una zappa? Perché i testi, il suo punto forte, si sono appiattiti in questo modo?

    Gira voce che sia innamorato e che sia felice per questo.
    Devo uccidere sta tipa, così finalmente soffre e crea meglio, che questa gli sta rovinando la carriera.



    Io sono molto ferita, molto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è un modo di vedere le cose, il tuo. ok. ci può stare.
      ma ce n'è anche un altro: il vascobrondi cambia. non ha voglia di rifare sempre lo stesso disco, e cambia.
      lo so che pare incredibile, essendo lui emiliano, e visto questa sindrome che hanno gli emiliani che per decenni e decenni rifanno sempre lo stesso medesimo disco (che si chiamino Vasco o Luciano è uguale eh), ma forse semplicemente sta cambiando... :-D

      Elimina
    2. Ma ve benissimo cambiare. Per quanto se ne dica e per quanto venga detestato Brondi ha influenzato parecchio un certo tipo di musica "giovanile". Ha uno stile ben delineato, e io ero in uno studio di un paese straniero e dicevo "ragazzi, due dischi della madonna, ma se non si rinnova è la fine".
      C'era, c'era l'assoluto bisogno di cambiare. E io ero pronta, eh. Sapevo che anche lui sapeva e che quindi l'avrebbe sicuramente fatto. Ho aspettato pazientemente e con tutta l'amorevolezza del mondo.
      Ma...

      No, così no.
      Non è quindi questione di cambiamento. E' che... proprio non ci siamo.
      Ma oh, come sempre, son gusti.

      Elimina
    3. ...ma sei sicura di non aver comprato il disco del vasco sbagliato?
      :-D

      Elimina

occhio. ché il K ti legge. e risponde, anche.