giovedì 1 agosto 2013

IL DIO DELLE PICCOLE COSE

e ci sono gesti e oggetti. e certi tagli di luce. e ci sono momenti e notti. e certe parole lì così. e c’è la velocità alla quale schizza via tutto, la velocità alla quale il paesaggio scivola dietro veloce, veloce sempre più veloce. oppure sei tu a schizzare via attraverso le cose, chissà. questione di velocità, è una questione di velocità. o una formalità, non ricordo più bene, una formalità. e le cose diventano scie. scie le cose, i gesti, gli oggetti, i momenti, le parole, le persone, le situazioni, i giorni, le notti, i giorni, le situazioni, le persone, le parole, le notti, i giorni, i momenti, gli oggetti, i gesti, le cose. scie. diventano scie. scie che ti scorrono affianco ti scorrono lungo i bordi che schizzano via che scivolano dietro. una questione di velocità. o una formalità. non ricordi più bene, no, non ricordi bene. già. e guardi le scie. (ma guardare non è vedere. e pensare non è ragionare. …e oggi non è domani, sì sì vabbé, e patapìm e patapàm) e poi pensi alle piccole cose. le cose quelle cose piccole, minuscole, banali, semplici. le cose quelle talmente piccole, quelle talmente banali, scontate e semplici che di solito non le vedi, che di solito nemmeno ci fai più caso. e pensi che è un bel po’ che non le vedi più, quelle piccole cose lì. pensi che prima ci sono sempre state, pensi che dovrebbero esserci, ma se poi ti dimentichi che devono esserci non te ne accorgi che è già un po’ che non le vedi più. già, è un po’ ormai. faraway, so close. è che saranno anche le cose quelle talmente piccole, quelle talmente banali, scontate e semplici che di solito non le vedi. saranno anche le cose quelle che di solito nemmeno ci fai più caso. saranno quelle, sì. però quando per un attimo le intravedi, allora lo sai che non le stai vedendo più, e scopri che ti mancano, le piccole cose. e forse se ci sono sempre state è perché devono esserci. e forse, se ci sono sempre state, è perché ci sono ancora. le piccole cose sono lì. ma sono così ferme da diventare velocissime. ed è una formalità, le piccole cose. o una questione di velocità. già.
 
lo so del mondo e anche del resto, lo so che tutto va in rovina. ma di mattina, quando la gente dorme con il suo normale malumore, può bastare un niente, forse un piccolo bagliore, un’aria già vissuta, un paesaggio, che ne so… e sto bene. sto bene come uno che si sogna.
 
 
[© c.c.c.p. © g.gaber] 

17 commenti:

  1. Io sto bene, proprio ora, proprio qui.

    Piccola cosa: Lui che mi stringe con un braccio le spalle e mi dà un bacio tra i capelli.

    E sto proprio bene.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ed è bello, stare bene.
      ed è importante, concedersi di stare bene. :-)

      Elimina
  2. al k, tutto questo girovagare, lo fa poetico.

    RispondiElimina
  3. (ah, oggi ho scoperto il segreto della caponata siciliana, è la mia piccola cosa).

    RispondiElimina
  4. Mi scoccia ammetterlo, cugino, ma hai scritto una cosa bellissima. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. il K non ha cugini, si sa :-P

      ( :-) )

      Elimina
    2. il K ha solo adepti. :)

      Elimina
    3. il K. però è affetto da una brutta infezione chiamata Milan....

      Elimina
    4. una delle fortune dalla vita. solo che non puoi capirlo tu. :-P

      Elimina
  5. "le cose quelle talmente piccole, quelle talmente banali, scontate e semplici che di solito non le vedi, che di solito nemmeno ci fai più caso"

    Quanto hai ragione, K...

    RispondiElimina
  6. Mmmm, vedo che non è cambiato niente, qua. Solite pippe e pipate.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non farti scoraggiare. riprova in futuro. tra qualche mese. o tra un paio d'anni. magari migliori intellettivamente, e prima o poi riesci a capire.
      per ora non fa nulla. dedicati ad altro. guarda la tv. le repliche di qualche programma della de filippi, magari. cose così, più al tuo livello.

      Elimina
  7. vecchio mio vorrei provare a mettere su una petizione per il ripristino della tortura psico-fisica ma solo nei confronti di un essere umano(?): Silver Silvan!
    Inizialmente avevo pensato all'industria del porno come utilizzo per riabilitarla ma poi mi sa che vista l'astinenza forzata della demente gli avrei fatto pure un piacere.
    In quanto scimmia antropomorfa gradisce banane, specie da negroni, e noccioline.

    Insomma se e come ti va aiutami a fermare questa piaga urticante per l'intera umanità

    ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. cerca disperatamente qualsiasi attenzione. quindi, l'arma più efficace è l'indifferenza. ..

      Elimina
    2. cerca disperatamente qualsiasi attenzione. quindi, l'arma più efficace è l'indifferenza. ..

      Elimina

occhio. ché il K ti legge. e risponde, anche.