venerdì 30 settembre 2016

DI SETTEMBRE E DEL MUTAMENTO. O, QUATTORDICI. PER DUE.

e sta finendo settembre. così, semplicemente, settembre sta finendo, da sé. sta finendo settembre anche se nemmeno sembra settembre, con questo azzurro con questo sole con questo caldo. 
sta finendo settembre in giorni quieti, giorni un po' vuoti. quei giorni di una attesa che ti lascia sentire solo il vuoto del tempo che c'è adesso, perché adesso il tempo è solo aspettare che il tempo scorra e passi, e inizi quel che deve iniziare. tra poco, ma non ora.

sta finendo settembre, e sta cambiando tutto, qui. che cambiare dopo quattordici anni è come cambiare vita, non è solo cambiare la direzione da prendere la mattina, o cambiare un lavoro. ma cambiare è il senso dell'andare avanti. progredire. evolvere. il cambiamento che non sai bene come sarà finché non ci sarai dentro, ma non vedi l'ora che avvenga, e scoprire com'è quello che hai scelto che sia.

è una vita, quattordici anni, è un enorme pezzo di vita. è un pezzo enorme della tua vita, questi quattordici anni. è accaduto così tanto. ti è accaduto così tanto, in questi quattordici anni che hanno cambiato tutto: la giovinezza che diventa piena maturità, il potenziale che diventa manager, le migliaia e migliaia e migliaia di chilometri. e un nonessere che diventa una splendida adolescenza di occhi grigi e luminosi, poi.
e poi e poi, poi tutto il resto che in questi quattordici anni ti è accaduto: fatti, persone, viaggi, opportunità, treni persi, strade prese, note parole disegni e immagini, possibilità non notate, distrazioni, situazioni, abitudini, errori, mosse fantasy, colpi di genio, cazzate, amori, quasiamori, solitudine e solitudini, sesso, trovare e perdere.

sta finendo settembre.
sta finendo settembre, già.

sta finendo settembre e sta cambiando tutto, dopo quattordici anni.
sta finendo settembre, ed è cambiato tutto, quattordici mesi fa. tutto. uno è diventato due, un due che non è che un uno superiore. e c'era un prima, e questo è il dopo, e nulla è come era prima che fosse amore. nulla è come era prima, ora che è amore. quattordici mesi fa.

che bel viaggio, fin qui.
che bel viaggio, che sta per iniziare.
" allacciati le cinture, alice. che di meraviglie da qui in poi ne vedrai un bel po' "


[the matrix]

16 commenti:

  1. sembra che quel che verrà avrà un buon sapore.
    io potrei scrivere cose molto simili, ma non so ancora bene come sarà il mio di cambiamento, che in ogni caso non sarà come il tuo. ma qualcosa cambierà di certo. spero di saper cogliere il meglio. laletteravi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. quello che c'è ha un sapore ottimo, quello che verrà, speriamolo :-)

      Elimina
  2. Un K innamorato che cambia vita.

    Oh yeah!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. cambia sempre.
      ma a volte di più :-)

      Elimina
  3. Poi non ditemi che l'amore non è rocK. Buon nuovo inizio, K :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. rocK. indietroniK. elettroniKa. indieK. un bel po' di roba diversa, nora :-)

      Elimina
  4. caspiterina il mio K che cosa combina...
    mi piace tanto e mi piace che sia tanto onesto da calare le brache...
    in modo figurato per quanto concerne noi blogger, in modo realistico per la persona fortunata che godrà delle tue grazie... beatissima ed invidiatissima lei!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mi bulleggio del tuo invidiata, sappilo, patalove :-*.... ma beata bisognerebbe chiederlo a lei ;-D

      Elimina
  5. Anche qui da te stanno per succedere cose grandi :)

    RispondiElimina

occhio. ché il K ti legge. e risponde, anche.