giovedì 22 dicembre 2011

(MIDNIGHT IN PARIS)

c’è un sogno. 
e poi c’è un sogno dentro un sogno.
c’è del vagheggiare altri tempi. c'è dell'emozione dell'arte. c'è dell'inutilità dell'erudizione. c’è della magia di parigi. c’è del camminare le città di notte. o sotto la pioggia. o sotto la pioggia di notte, anche. c’è del trovare il proprio luogo. c'è dell'accettare il proprio tempo. c’è del riconoscere le situazioni sbagliate. c'è del saper riconoscere le persone.

c’è che in fondo è semplice: vivi il tuo tempo. vivi la tua realtà. cerca una persona che abbia la tua stessa sensibilità. 

e sarà che proprio perché è semplice, ma forse è arrivato al proprio capolavoro, woody allen.

5 commenti:

  1. Midnight in Paris è carino.
    Ma a me manca il vecchio Woody.

    RispondiElimina
  2. ho sentito pareri contrastanti.
    comunque è nell'elenco del "to watch soon". ti saprò dire.

    ps. ma che è 'sto template, che non si capisce niente?

    RispondiElimina
  3. fab: credo di preferire questo ai vecchi woody. sarò malato?

    isi: ma davvero è faticoso, questo template?

    RispondiElimina
  4. Volevo scoprire cos'hai scritto il giorno del mio compleanno. Parigi, Woody... Posso considerarlo un regalo autoassegnato?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ti pare che potrei mai darti torto?
      :-)

      Elimina

occhio. ché il K ti legge. e risponde, anche.